IVA al 22%, da quando?

IVA 22% ?

IVA 22% ?

Le misure anticrisi del governo Monti hanno nuovamente innalzato anche le aliquote Iva del 2% sulle vendite e acquisti dal secondo semestre 2013, secondo le caratteristiche che abbiamo avuto modo di conoscere insieme in occasione del primo aumento dell’iva fino al 21%.
NOVITA‘: L’incremento Iva pronosticato al 23% ed in procinto di essere introdotto viene di fatto dimezzato e l’aumento netto dell’Iva sarà “solo” dell’1%, il che vuol dire che l’aliquota ordinaria sarà del 22%.

Tuttavia v’è da segnalare che anche lo scaglione del 10% dell’Iva, quello previsto per intenderci sui beni del sottore edile, per esempio, salirà anch’esso di un punto percentuale attestandosi così dal 10% all’11%.
Quanto aumenta l’Iva nel 2013
Vedremo salire l’Iva al 23%?
L’iva dal primo Luglio 2013 (in precedenza doveva essere il primo ottobre 2012) aumenterà non più del 2%, ma solamente dell’1% così’ come definito dal consiglio dei ministri del 9 ottobre pertanto rispetto all’attuale aliquota iva del 21% sulla classe di cessioni di beni e prestazioni di servizi ordinari con aliquota ordinaria al 21% salirà non più al 23% ma al 22%, con un incremento netto dell’1%. Lo stesso dicasi per l’aliquota del 10% che passerà al 12%.
Ricapitolando dal primo luglio 2013 avremo:
Aliquota del 10% >>> dal primo luglio sale al 11%
Aliquota del 21% >>> dal primo luglio sale al 22%
Da quando scatta l’obbligo
L’incremento dell’Iva scatta dal terzo trimestre 2013 (termine questo più volte postiticpato per cui staremo a vedere nel prossima nno cosa accadrà con il pareggio del bilancio che incide direttamente sulla quantificazione delle aliquote Iva), e più precisamente dal primo ottobre, pertanto sarà di nuovo la volta di adeguamenti dei software e ricalcoli in sede di liquidazioni dell’Iva.

Chi coinvolge
L’aumento dell’aliquota investe tutti e rientra nel disegno di tassazione dei consumi, non perchè siano troppi ma perchè vi è l’esigena di fare subito cassa, anche se ricordiamo che l’IVA è un tributo neutro pertanto il beneficio si ha in termini finanziari.
Iva all’11% dal 10%
Possibili anche modifiche per la categoria agevolata dell’Iva al 10% che potrebbe subire un incremento di un punto percentuale o al più 2 punti percentuali, arrivando al 11%.
Stessi problemi quindi potremmo avere in sede di liquidazione e di ricalcolo delle somme dovute, nonchè anche in sede di compilazione dello spesometro nell’estrazione dei dati per l’anno 2012 e 2013.
Questa volte pertanto l’aumento non colpisce solamente l’aliquota ordinaria ma come avete avuto modo di vedere coinvolgerà anche le aliquote ridotte anche se con tempistiche differenziate.

10 ottobre 2012

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...